Potpourri pre-silenzio

admin | July 8th, 2010 - 5:04 pm

Domani è la giornata dello sciopero del giornalismo italiano, e anche dell’informazione in Rete. Dunque, anche di molti blogger, nonché di siti di informazione online. Promotrice è, assieme ad Articolo 21 e a Reporter Senza Rete, è anche la mia Lettera22.

Prima della giornata di silenzio, lascio qualche consiglio di lettura ai naviganti. Istruzioni per l’uso, ovviamente sul Medio Oriente e sul mondo arabo.

Anzitutto, un consiglio di lettura…letterario. Un testo (sportivo) dell’algerino Anouar Benmalek, bella penna, credo ancora non tradotta – purtroppo – in Italia. Su Word Without Borders si può leggere la traduzione in inglese di “Le Penalty”.

Su Nasr Abu Zeid, morto prematuramente. Su Al Ahram Weekly  c’è (riproposto) il testo dell’ultima intervista rilasciata prima di andare in esilio volontario in Olanda.

Per chi non è mai stato a Gaza, e magari discetta a distanza di una realtà che non conosce, consiglio invece “Una settimana a Gaza” sul Guardian. Questo video è sui bambini di Gaza. Dimenticati. E traumatizzati. Anche quelli non traumatizzati dalla guerra, peraltro, hanno problemi che vanno dalla malnutrizione (denunciata da tutte le agenzie dell’Onu) al profondo disagio psicologico. E il dottor Eyad Sarraj, il  più grande psichiatra palestinese, lo dice inascoltato da anni. Quando lo andai a trovare, nella sua casa di Gaza City, mi raccontò dei bimbi dell’epoca della prima intifada, di quelli dell’epoca della seconda intifada, di quelli di oggi. Generazioni perdute. E a proposito di bambini palestinesi, le forze armate israeliane si sono scusate per aver consegnato un mandato di comparizione per un interrogatorio con lo Shin Bet a un bambino di sette anni: ne ha parlato Amira Hass in un articolo su Haaretz. Sull’argomento, ho ritrovato un articolo di Joharah Baker, giornalista e madre, sul sito di Miftah, il sito di Hanan Ashrawi.

La terza notizia riguarda i contraccolpi del sanguinoso attacco della marina militare israeliana alla Freedom Flotilla, in cui nove cittadini turchi sono stati uccisi. Dustin Hoffman e Meg Ryan non parteciperanno al festival del cinema di Gerusalemme, scrive il Jerusalem Post. Che dietro il rifiuto a partecipare vi sia il clima politico successivo all’attacco militare alla Mavi Marmara, ne è convinto il direttore associato del festival.

Clima da boicottaggio alla politica israeliana nei confronti dei palestinesi, di Gaza nello specifico, e alle colonie in Cisgiordania, dunque. Nella campagna internazionale di boicottaggio è ora caduta anche l’IKEA, accusata di discriminare tra gli invii nelle colonie israeliane in Cisgiordania e nei paesi  palestinesi.

Swedish Radio’s correspondent in Israel, Cecilia Udden, explained that she was moving to the Palestinian city of Ramallah in the occupied West Bank and asked the staff at IKEA Israel if her furniture could be delivered there. She reported that behind the store’s counter was a huge map of Israel that showed no boundaries for the occupied West Bank, Gaza Strip, or the Syrian Golan Heights. Although IKEA’s cost of transport is calculated according to distance, to Udden’s surprise, transport to Ramallah was not possible. However, the store did inform her that furniture could be delivered to various Israeli settlements throughout the occupied West Bank.IWAY Standard” [PDF]).

Ove Bring, a professor of international law, explained to Swedish online magazine Stockholm News that IKEA’s policies discriminate against Palestinians. In addition, the shipping policies violate the company’s code of conduct, which is published on its website (“

La foto, scattata in Marocco, è di Francesca Nardi.

If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*

Rss Feed Tweeter button Facebook button Technorati button Reddit button Myspace button Linkedin button Webonews button Delicious button Digg button Flickr button Stumbleupon button Newsvine button Youtube button
eXTReMe Tracker